Cogito

Cogito Un aperitivo per la mente

Entra

Cogito N°8

Impatto social

18 maggio 2018 / Biblioteca Centrale della Regione Siciliana

34 milioni di persone in Italia (57% della popolazione italiana) e 3,196 miliardi nel mondo (42% della popolazione mondiale) sono utenti attivi sui social media. 2.617 è il numero medio di volte che tocchiamo il nostro smartphone al giorno. Negli Stati Uniti l’anno scorso sono morti 6000 pedoni che, anziché guardare la strada, avevano gli occhi fissi sul cellulare. 3 incidenti su 4 sono dovuti a distrazione: scrivere un messaggio o guardare i social mentre si guida equivale a guidare bendati per 10 secondi. E sapete quanta strada si percorre in 10 secondi a 40 k/h? Ben 110 metri. “Impatto social” è stato il tema del prossimo “Cogito, un aperitivo per la mente”, rassegna inserita nel cartellone di Palermo Capitale della cultura 2018,  ideata da Francesca ed Alberto Tasca d’Almerita, venerdì 18 maggio alle 19,30  alla Biblioteca centrale della Regione Siciliana (corso Vittorio Emanuele 429)   .

1 ora e 53 minuti  è il tempo medio che trascorriamo al giorno sui social e si stima che alla fine della nostra vita avremo trascorso connessi quasi: 5 anni e 4 mesi della nostra vita. Non pochi vero? Soprattutto se si pensa che è lo stesso tempo che si impiegherebbe per andare sulla Luna e tornare indietro per ben 32 volte. Siamo nell’epoca della connessione ma ciò non significa che stiamo interagendo davvero, e allora come sono cambiate le relazioni umane? I social hanno creato  nuove forme di linguaggio, gli emoticon, e hanno cambiato il nostro modo di esprimere le emozioni? Zuckerberg ricorda sempre che “Facebook è nato per migliorare il mondo, ma c’è chi l’ha usato per peggiorarlo”. L’avvento dei social  ormai ha creato una “socialità senza corpo”: nuove relazioni umane che prescindono dall’essere fisicamente presenti nello stesso posto. Con Domitilla Ferrari, autrice di “Due gradi e mezzo di separazione” (Sperling & Kupfer) abbiamo parlato di amnesia digitale, di perdita della “memoria culturale”, di diritto all’oblio, del nuovo regolamento sulla privacy  e di “social-linguistica”. Come di consueto Salvo Piparo e le sue  CogitAzioni hanno accoltoil pubblico, con la direzione di Alfio Scuderi. Musiche a tema mentre  proiezioni e pannelli hanno fatto una radiografia del mondo dei social e del loro impatto. Dal libro a “faccialibro”, la biblioteca regia, già sede del parlamento siciliano: ecco perché la scelta del luogo, come di consueto “parlante”